Mi Abito
Progetto vincitore del bando Prendi pArte! Agire e pensare creativo promosso dalla Direzione Generale Arte e architettura contemporanee e Periferie urbane (DGAAP) del Ministero per i Beni e le Attività Culturali.

Fondazione Wurmkos e Cooperativa Lotta contro l’Emarginazione collaborano per dare vita a Mi Abito: progetto artistico partecipato, curato da Gabi Scardi, incentrato sul tema dell’abito inteso come strumento per presentarsi e rappresentarsi. 
Il progetto si svilupperà nell’arco di un anno e comprenderà una serie di quattro laboratori creativi condotti da artisti. Gli esiti del lavoro saranno presentati in un evento conclusivo aperto al pubblico.
Wurmkos è attivo da anni sul territorio per promuovere e attivare progetti collettivi e inclusivi: laboratori, mostre temporanee e momenti di formazione. Con Mi Abito l’abbigliamento viene interpretato come vera e propria interfaccia tra individuo e mondo, e la creazione di una nuova collezione composta di capi/opere a propria misura diventa l’occasione per sviluppare attività in comune e condividere riflessioni.
I laboratori prenderanno avvio da gennaio 2019 negli spazi di Farmacia Wurmkos. Saranno condotti dai tre artisti Francesco Bertelé, Francesca Marconi, Margherita Morgantin e dal gruppo Wurmkos; con il supporto di Clara Rota e Bassa Sartoria. 
Gli artisti accompagneranno i partecipanti nell’elaborazione dei capi, stimolandoli ad assumere una posizione attiva e generativa, valorizzandone l’abilità e l’autonomia creativa individuale, fornendo alcuni strumenti tecnici e progettuali, contribuendo alla capacità di proporre sé stessi e di confrontarsi con il mondo esterno.
La “collezione” sarà presentata durante la manifestazione conclusiva del progetto.
Partner di progetto
Fondazione Wurmkos onlus nasce per dare identità giuridica al gruppo di artisti Wurmkos, creato nel 1987 da Pasquale Campanella e da utenti di Cooperativa lotta contro l’Emarginazione a Sesto San Giovanni, MI. Tra i suoi scopi: la promozione del lavoro di artisti con e senza disagio psichico; la promozione e attivazione di laboratori d’arte contemporanea; la realizzazione di mostre, opere, testi; la formazione di artisti, studenti, insegnanti sui temi del disagio e dell’inclusione, anche attraverso azioni condivise di arte pubblica; il coinvolgimento di comunità, individui e famiglie in progetti di arte pubblica e relazionale; la partecipazione a progetti d’arte contemporanea promossi da altri. 

Cooperativa Lotta contro l’Emarginazione da oltre 30 anni lavora con i giovani, incontrandoli attraverso il lavoro di strada, gli Spazi Giovani, gli interventi all’interno della scuola, il coinvolgimento in processi partecipativi, lo sviluppo di spazi di innovazione. I suoi riferimenti teorici sono rintracciabili nello sviluppo di comunità e nella pedagogia relazionale.

Informazioni:
I laboratori sono gratuiti e a numero chiuso. Verrà data priorità a ragazzi tra i 18 e i 29, inoccupati. I partecipanti potranno decidere se assistere a tutti o ad alcuni dei laboratori.
Incontro di presentazione del progetto: martedì 11 dicembre, ore 17:30 presso Farmacia Wurmkos, via Puccini 60, Sesto San Giovanni.
Per ulteriori informazioni: progetto.miabito@gmail.com













Il sociale non è un corpo liscio e levigato
Il lavoro di Wurmkos

Quando nel 1987 si incontrano per la prima volta Pasquale Campanella e gli utenti di Cooperativa “Lotta contro l’Emarginazione”, la cooperativa invita tutte le persone di cui si occupa a partecipare ai laboratori. Nel giro di brevissimo tempo molti decidono di non partecipare, essere malati di mente non significa avere una propensione per l’arte. Questa prima esperienza è dirimente: ciò che verrà prodotto in laboratorio non sarà arte terapia, non è per tutti e non prevede la supervisione delle figure preposte alla cura (medici, operatori, etc.)...l'articolo continua qui.